Teramo, Coppa Interamnia: “Un nuovo inizio” TUTTI I RISULTATI FINALI

“Al termine di ogni edizione della Coppa Interamnia, il bilancio non può che essere positivo, se non altro per l’entusiasmo e il bagaglio di divertimento ed esperienze che lascia dietro di sé. Incontri, amicizie e valori ineludibili, che ripagano di tutte le fatiche nell’organizzare una manifestazione così grande”. A tracciare un bilancio finale della 47esima edizione dell’Interamnia World Cup è come sempre il presidente, Pierluigi Montauti.

“Questa edizione è stata, soprattutto per noi, una grande lezione se non una conferma sulla strada da seguire già dal prossimo anno, per ridare fulgore, freschezza e innovazione a un’iniziativa che ha fatto scuola nel mondo ed è ancora un modello seguito da molte organizzazioni analoghe e nate sul nostro esempio. Dopo 47 anni tutto ha bisogno di un restyling, di un adeguamento ai tempi, di reinventarsi per mantenere il suo spirito innovativo e, quest’anno, siamo certi di avere intrapreso la strada giusta con il Comitato istituzionale, “capitanato” dai giovani amministratori della Città di Teramo cui va il primo nostro ringraziamento. Lo avevamo detto alla vigilia, che gli effetti non sarebbero stati immediati, ma siamo certi che con l’interessamento mostrato dal Sindaco Gianguido D’Alberto e l’operosità dell’Assessore allo Sport e agli Eventi Antonio Filipponi, la Interamnia World Cup sarebbe potuta tornare a navigare in acque sicure, per il bene e il gradimento di tutti i teramani”.

E ancora: “È una città in difficoltà, in questo momento, la nostra Teramo che necessita di interventi forti per uscire dalle sue criticità e noi, come sempre, non ci risparmiamo per fare la nostra parte, per quel che possiamo. E, a questo proposito, un ulteriore ringraziamento, doveroso, va agli enti territoriali che hanno aderito al Comitato da sempre vicini alla Coppa, ma da quest’anno in maniera sinergica, più stabile e più organizzata, segno del valore riconosciuto della manifestazione per i suoi effetti sul territorio.Tra i ringraziamenti non posso tralasciare, pur non potendo nominarli tutti per ragioni di spazio, i nostri collaboratori, i giovani volontari che si fanno in quattro per accogliere al meglio le squadre e gli amici di sempre che continuano a credere in noi; anche a loro si deve il futuro dell’Interamnia”.

TUTTI I RISULTATI FINALI