Terminata la stagione del Torrentismo a Palena

Palena. Si è conclusa la stagione del Torrentismo a Palena, uno dei centri turistici più belli della provincia di Chieti.  Numeri da capogiro per quello che, senza dubbio, è stato anche quest’anno uno dei fenomeni sportivi di maggiore successo turistico in Abruzzo. Dopo le impressionanti cifre fatte registrare nell’estate del 2017 e 2018, in questa del 2019 si è andati ben oltre ogni più rosea previsione con presenze record sul Fiume Aventino a Palena.

“Quest’anno abbiamo avuto presenze importanti rispetto allo scorso anno – sottolinea Domenico Rattenni, Presidente di Abruzzo Adventures, associazione anima del Torrentismo – incrementando del 20%, ma soprattutto del 100% quella degli stranieri: sono arrivati in tanti da Germania, Olanda, Norvegia ed addirittura Sudafrica. Sono tante le persone partite da lontano per venire a fare Torrentismo in giornata a Palena. Tutto questo è stato possibile anche grazie alle nostre guide che comunicavano con i turisti in inglese dando loro la possibilità di divertirsi e tornare con il sorriso a casa.
Sono stati anche molti i turisti che, in vacanza in Abruzzo, grazie ai social, hanno scoperto la nostra attività e ci sono venuti a trovare. Siamo in piena attività da anni e in molti sono tornati da noi più volte: è un segnale decisamente positivo. È stata una catena, un passaparola. Tanti sono stati i ragazzi dai dieci anni in su, ma soprattutto ci ha fatto piacere avere ospiti famiglie intere e colonie”.

Il Torrentismo è nato anni fa da un’intuizione di Domenico Rattenni e Luca Di Cino, vogliosi di valorizzare ancor di più il territorio di Palena. Con l’associazione “Abruzzo Adventures” l’hanno sempre curato nel segno dello spirito di un’avventura a contatto con la natura e lo splendido paesaggio della nostra regione. Mai i due amici però avrebbero pensato di poter raggiungere risultati così importanti ottenuti soprattutto grazie alla volontà e all’impegno dei ragazzi di Palena e non che hanno accompagnato i turisti in questa splendida avventura.

Fondamentale è stato il lavoro delle guide per la buona riuscita del Torrentismo come spiega Domenico Rattenni:

“Punto di forza di questa attività sono le nostre guide, giovani ragazzi e ragazze che fanno corsi di aggiornamento ogni anno: è un lavoro di squadra grazie al quale è possibile raggiungere i traguardi che oggi sono sotto gli occhi di tutti. C’è divertimento e passione in ciò che facciamo tutti noi insieme. Mi piace raccontare un piccolo aneddoto: i nostri ragazzi vengono spesso riconosciuti anche fuori dalla nostra attività, come è successo recentemente a mio figlio in una discoteca dove alcuni giovani hanno voluto farsi un selfie con lui per ricordare i bei momenti passati insieme a fare Torrentismo. Anche questi sono piccoli segnali che fanno capire quanto chi venga a Palena possa trovare accoglienza e dedizione verso il nostro lavoro”.

Il Torrentismo è uno sport outdoor praticato tra giugno e fine ottobre a corpo libero saltando cascate e nuotando nelle pozze alla ricerca di adrenalina.
Il percorso si svolge in un tratto di un 1 km nel Fiume Aventino nel comune di Palena.
L’attività è adatta a persone di età dai 10 anni in su.
L’organizzazione fornisce ai partecipanti la muta integrale, giubbotto salvagente e caschetto.
I partecipanti devono essere forniti di scarpe da ginnastica o da trekking, un costume, una maglietta intima da indossare sotto la muta e un ricambio per fare la doccia alla fine del percorso.
Prima di iniziare la pratica si spiega ai partecipanti in cosa consiste il Torrentismo (Briefing) e come comportarsi in sicurezza lungo il percorso.

Del Torrentismo a Palena si sono occupate importanti testate giornalistiche ed emittenti televisive fra le quali anche Rai 1 per Linea Verde Orizzonti, Rai 3 nel Tg Regionale e recentemente Tv2000 che ha parlato del paese in un servizio in Borghi D’Italia.
Da segnalare anche presenze illustri: fra queste, anni fa lo staff del Pescara Calcio con l’allora allenatore Massimo Oddo sceso nel Fiume Aventino per provare l’adrenalina di questo che ormai più che un fenomeno è diventata una grande realtà dello sport outdoor.

Domenico Rattenni ci tiene a sottolineare la valorizzazione di Palena, ma non solo, tramite le iniziative di Abruzzo Adventures:

“Palena viene visitata da gente di fuori che impara a conoscerne il territorio: molti arrivano senza sapere nulla di queste zone e ne rimangono colpiti per l’indubbia bellezza.
Con le notizie che diamo vanno magari anche a visitare altri luoghi della Valle dell’Aventino, restano anche a mangiare nei ristoranti locali, prenotano per dormire: in questo modo muovono l’economia locale. Oltre al Torrentismo, a Palena possono trovare gli orsi nell’area faunistica gestita dal Parco Nazionale della Majella, l’Eremo Celestiniano della Madonna dell’Altare, il Museo Geopaleontologico che attrae famiglie intere e anche altri meravigliosi luoghi fuori da Palena.
È possibile fare scampagnate alla Fonte della Noce e Taranta Peligna, visitare anche la Grotta del Cavallone e le Gole a Fara San Martino.
Ci piace anche far notare che le nostre attività non si fermano alla stagione estiva: in inverno infatti organizziamo l’eliciaspolata sopra l’Aremogna con un bellissimo percorso che culmina a 1800 metri dopo una camminata di circa 4 chilometri, con la possibilità di gustare insieme prodotti tipici. Si rientra in elicottero compiendo un giro turistico.
C’è infine la ciaspolata e giro in motoslitta anche in notturna”.

Per tutte le prossime iniziative invernali di Abruzzo Adventures, info:
335.1650598; 333.4553904; 392.6500178
www.abruzzoadventures.it
Facebook: Torrentismo Abruzzo APT
Instagram: Abruzzo Adventures