Attentato a Mosca, spunta un nuovo video: i dettagli

Sono trascorsi ormai dieci giorni dall’attentato di Mosca e le indagini non si fermano. Intanto spuntano dei nuovi video sull’attacco.

La Russia è ancora sotto shock per l’attentato dello scorso 22 marzo. Le indagini proseguono senza sosta per cercare di individuare le persone vicine agli estremisti islamici. Nelle scorse ore c’è stato un nuovo arresto, ma il tutto non sembra essere destinato a finire in davvero poco tempo.

Attentato Mosca nuovo video
In Russia proseguono le indagini sull’attentato – cityrumors.it – foto Ansa

Intanto è uscito un nuovo video dell’attacco. Come riportato dall’Adnkronos, si tratta di un filmato che arriva direttamente da una delle bodycam degli attentatori ed è stato pubblicato da un portale vicino all’Isis. Le immagini sono al vaglio delle autorità russe per ricostruire meglio cosa è successo lì dentro lo scorso 22 marzo.

Il filmato

Attentato Mosca nuovo video
Ecco i dettagli del filmato dell’attacco al Crocus – cityrumors.it – foto Ansa

Ma cosa si vede in questo video? Stando alle informazioni che si hanno a disposizione, il filmato dura poco più di un minuto e le immagini riprendono gli attentatori muoversi in modo concitato nello spazio. Uno di loro con un coltello colpisce ancora una vittima già a terra e circondata dal sangue.

Si tratta di un filmato che mostra il modo di agire di questi estremisti. Sulla veridicità del video non ci sono dubbi considerando che è stato pubblicato da un canale vicino all’Isis e con la dicitura di immagini ufficiali.

Le indagini sull’attentato continuano

Attentato Mosca nuovo video
Le indagini sull’attentato proseguono senza sosta – cityrumors.it – foto Ansa

Le indagini sull’attentato continuano senza sosta. Gli arresti avvengono giorno dopo giorno e l’Fsb ha annunciato di aver sgominato una cellula terroristica in base nel Daghestan e coinvolta direttamente nell’attacco. Gli accertamenti, comunque, non si fermano visto che l’obiettivo di Mosca è quello di eliminare nel minor tempo possibile il rischio terrorismo.

In contemporanea all’inchiesta vanno avanti anche le accuse nei confronti dell’Ucraina da parte di Mosca. Una responsabilità che per molti esperti non esiste. Come confermato ai nostri microfoni da Lorenzo Riggi, la strategia della Russia è quella di spostare l’attenzione dell’opinione pubblica su Kiev anche in ottica del conflitto ancora in corso.

Impostazioni privacy