Messi salta le amichevoli della sua squadra nella tournée asiatica e scoppiano le polemiche: ecco cosa è successo

Grande delusione dei tifosi che hanno preteso il rimborso del biglietto, dopo aver sborsato fior di quattrini per vedere in campo il Campione del Mondo nell’amichevole tra una rappresentativa locale e l’Inter Miami

La decisione del fuoriclasse argentino, di non giocare la prima amichevole a Hong Kong e di giocare solo una piccola parte della seconda contro la squadra giapponese del Vissel Kobe, ha scatenato la reazione polemica di migliaia di tifosi che aspettavano di vedere le giocate del campione argentino dopo aver speso anche 500 dollari per accaparrarsi un biglietto.

Roventi polemiche per Messi in Cina – Cityrumors.it –

 

Lionel Messi, dopo aver conquistato il titolo mondiale con la nazionale argentina, l’ultimo che gli mancava nel suo personale palmares, avrebbe voluto giocare un altro anno in Europa ma, in assenza di offerte soddisfacenti, si è trovato a decidere fra Mls negli Stati Uniti o i sauditi dell’Al Hilal, preferendo alla fine la soluzione a stelle e strisce anche per ragioni extracalcistiche, come la possibilità di vivere negli States o di firmare importanti accordi commerciali.

Polemiche roventi

La stagione della Major League Soccer è alle porte e tutte le squadre americane sono impegnate nella fase di preparazione. Anche l’Inter di Miami è quindi in tournee nel mondo, proprio per disputare alcune amichevoli prima di cominciare il nuovo campionato. Lionel Messi è stato duramente contestato e fischiato ad Hong Kong, dove la squadra della Florida del campione argentino ha disputato la prima di queste partite contro rappresentative locali, proprio perchè il campione argentino ha disertato l’amichevole dell’Inter Miami, scatenando la reazione dei fan che erano arrivati a pagare non meno dell’equivalente di 115 euro, quando di solito un tagliando per un match di calcio ne costa sui 15, per assistere alla partita. Polemiche roventi che hanno fatto il giro del web e comunque hanno indignato anche l’attaccante argentino che ha replicato “Ho visto quello che è successo, sono stato accusato di non aver voluto giocare ed è una vergogna perché io voglio sempre giocare. “Avrei voluto esserci e mai come in quella partita perché abbiamo viaggiato per tante ore, le persone era felici di vedere la nostra partita. Sfortunatamente non è stato possibile”. 

La reazione della Cina

Una partita, quella di Hong Kong, si è trasformata in un vero caso nazionale, fino a costringere gli organizzatori a sostanziosi rimborsi, con il governo locale che è arrivato a rilasciare un comunicato ufficiale per chiedere spiegazioni, vedendo nel comportamento del club della Mls una mancanza di rispetto. Malumori che sono arrivati fino al Governo cinese, che ha voluto rispondere a quello che è stato considerato un affronto da parte di Messi e della sua squadra, tanto da mettere in atto una clamorosa quanto imprevedibile ripicca nei confronti dell’attaccante argentino e anche della sua nazionale. Infatti, a marzo la Nazionale Campione del Mondo avrebbe dovuto affrontare una tournée nel Paese asiatico. Per adesso erano in programma due amichevoli contro la Nigeria a Hangzhou e la Costa d’Avorio a Pechino. Le due amichevoli sono state però all’improvviso cancellate, con la Federcalcio cinese che ha spiegato in un comunicato di non poter più organizzare l’evento sul proprio territorio, senza fornire però ulteriori spiegazioni.

Impostazioni privacy