Gli altri Navalny: il mondo si interroga sul destino degli oppositori di Putin

Avvelenamenti, morti improvvise, carcerazioni: il destino degli altri “dissidenti” del regime di Putin. Ecco chi sono e cosa rischiano…

L’improvvisa morte di Alexei Navalny, il più acceso e conosciuto rivale di Vladimir Putin, ha lasciato una profonda ferita nell’opposizione russa e in tutto il mondo politico. A livello internazionale, i principali leader politici si sono schierati contro il Cremlino, addossando a Mosca le responsabilità della sua morte. Navalny, 47 anni, era da sempre un grande critico di Putin: aveva organizzato crociate e proteste, alternando uno spiccato senso dell’umorismo, alla critica più accesa e feroce all’operato del Cremlino. Era stato al centro di un documentario pluripremiato e i suoi canali social contavano milioni di iscritti.

Il mondo politico piange la morte di Navalny e si interroga sul futuro degli altri dissidenti -Cityrumors.it

Anche durante la lunga carcerazione, la sua popolarità non era venuta meno. E’ stato per anni il vero e unico leader dell’opposizione ed ha ricevuto una lunga condanna: da anni si trovava in carcere ed il governo era stato pronto a condannarlo ad altre dure condanne dopo le sue prese di posizione all’attacco russo in Ucraina. Navalny non è stato il solo politico, con un pensiero avverso a quello della maggioranza, ad essere stato condannato: sono molti infatti i dissidenti politici ad essere stati incarcerati e nei confronti dei quali si è alzato un velo di preoccupazione. Altri hanno deciso di lasciare la Russia e di rifugiarsi all’estero, pur continuando a mantenere una posizione critica verso Putin. 

I colleghi della Fondazione anticorruzione, che Navalny ha fondato nel 2011 per denunciare la corruzione politica, e gli altri suoi stretti collaboratori hanno spesso dovuto lavorare senza di lui. Anche prima di essere imprigionato nel gennaio 2021, Navalny era soggetto ad arresti regolari e a lunghi periodi di carcere. Era stato infatti fermato e messo in carcere diverse volte ed aveva già subito avvelenamenti. Come nel 2020, quando rimase in come 18 giorni per aver assunto del gas nervino e venne curato in Germania. La sua pena detentiva comprendeva più di 300 giorni di isolamento, con comunicazioni possibili ma difficili da una cella di punizione. Anche i suoi più stretti collaboratori – lo stratega Leonid Volkov, la responsabile delle indagini Maria Pevchikh, il direttore della fondazione Ivan Zhdanov e la portavoce Kira Yarmysh – hanno dovuto affrontare pressioni e azioni penali in Russia.

Gli altri Navalny: ecco chi sono e le condizioni in cui lavorano

Molti di loro sono stati costretti a lasciare la Russia ed andare a lavorare all’estero, continuando a denunciare i modi di fare del Cremlino sui social della Fondazione. Molti hanno continuato a spingere per il rilascio di Navalny dal carcere, hanno organizzato proteste e organizzato una campagna per minare l’immagine di Putin in Russia in vista delle elezioni presidenziali che quasi sicuramente vincerà il mese prossimo. “Alexei era fantastico”, ha scritto Volkov domenica su X, l’ex Twitter.Era un politico naturale, molto talentuoso, molto efficiente. E da se stesso e da tutti quelli che lo circondavano, esigeva una cosa: non gettare la spugna, non arrendersi, non disperare. … Questo è ciò che vuole da noi ora. Il lavoro della sua vita deve prevalere”. Mikhail Khodorkovsky, 60 anni, è un ex magnate diventato figura dell’opposizione russa in esilio. Khodorkovsky ha trascorso un decennio in carcere in Russia con accuse ampiamente considerate come una vendetta politica per aver sfidato il governo di Putin nei primi anni 2000. È stato rilasciato nel 2013, poco prima che la Russia ospitasse le Olimpiadi invernali del 2014 nella località di Sochi, sul Mar Nero. La grazia concessa a sorpresa da Putin alla vigilia delle Olimpiadi è stata vista come uno sforzo del Cremlino per migliorare l’immagine della Russia in Occidente.

Mikhail Khodorkovsky, un altro degli oppositori di Putin – Cityrumors.it

Open Russia e le condanne agli altri oppositori

Khodorkovskysi è trasferito in Germania e successivamente si è stabilito a Londra. Dall’esilio, ha lanciato Open Russia, un gruppo di opposizione che gestiva un proprio notiziario, sosteneva i candidati in varie elezioni, forniva assistenza legale agli imputati che dovevano affrontare procedimenti giudiziari a sfondo politico e aveva una piattaforma educativa. Open Russia e i suoi attivisti nel Paese hanno dovuto affrontare una costante pressione da parte delle autorità; alcuni sono stati perseguiti in Russia e uno dei suoi leader, Andrei Pivovarov, sta attualmente scontando una condanna a quattro anni di carcere. Alla fine il gruppo ha chiuso, ma Khodorkovsky ha continuato a criticare il Cremlino. Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia due anni fa, questa settimana, insieme ad altri importanti critici di Putin, tra cui la leggenda degli scacchi Garry Kasparov e l’ex legislatore Dmitry Gudkov, ha formato il Comitato Antiguerra, un’ampia alleanza di opposizione che si oppone all’invasione e cerca di indebolire Putin. Vladimir Kara-Murza, 42 anni, un tempo giornalista e ora politico di spicco dell’opposizione, ha ricevuto la più lunga condanna per un critico del Cremlino nella Russia di Putin: 25 anni con l’accusa di tradimento. Sta scontando la pena in una colonia penale siberiana ed è stato ripetutamente messo in isolamento. Kara-Murza era un collaboratore del leader dell’opposizione russa Boris Nemtsov, un altro feroce critico di Putin, assassinato vicino al Cremlino nel 2015.

Le morti strane e i tentativi di avvelenamento

Qualche anno prima, Kara-Murza e Nemtsov avevano esercitato pressioni per l’approvazione della legge Magnitsky negli Stati Uniti, in risposta alla morte in carcere dell’avvocato russo Sergei Magnitsky, che aveva denunciato uno schema di frode fiscale. Autorizzava Washington a imporre sanzioni ai russi ritenuti violatori dei diritti umani. Kara-Murza è sopravvissuto a quelli che ritiene siano stati tentativi di avvelenamento nel 2015 e nel 2017, ma ha continuato a tornare in Russia nonostante le preoccupazioni che potesse essere pericoloso per lui. Dal suo arresto, avvenuto nell’aprile del 2022, ha continuato a parlare contro Putin e la guerra in Ucraina in molteplici articoli di opinione e lettere scritte da dietro le sbarre. Anche la moglie, Yevgenia, si è impegnata attivamente per ottenere la libertà per lui e per altri critici del Cremlino incarcerati. Ilya Yashin, 40 anni, si è rifiutato di lasciare la Russia nonostante la pressione senza precedenti esercitata dalle autorità per soffocare il dissenso. Ha detto che lasciare il Paese avrebbe compromesso il suo valore come politico. Yashin, membro intransigente di un consiglio comunale di Mosca, era un alleato di Navalny. Alla fine è stato arrestato nel giugno 2022 e successivamente condannato a 8 anni e mezzo di carcere per “diffusione di false informazioni” sull’esercito russo, un reato penale dal marzo 2022. La dura sentenza non ha messo a tacere le sue aspre critiche al Cremlino.

Ilya Yashin, un altro degli oppositori di Putin, finito spesso in carcere – Cityrumors.it

I collaboratori di Yashin aggiornano regolarmente le sue pagine sui social media con i messaggi che trasmette dal carcere. Il suo canale YouTube ha oltre 1,5 milioni di iscritti. In un’intervista rilasciata in carcere all’Associated Press nel settembre 2022, Yashin ha esortato anche i russi comuni a contribuire alla diffusione del messaggio. “La richiesta di un punto di vista alternativo è apparsa nella società”, ha detto Yashin all’Associate Press nelle risposte scritte da dietro le sbarre. Un punto alternativo che, dopo la morte di Navalny sembra ancora più necessario.

Impostazioni privacy