Non è la Rai, le ex ragazze rompono il silenzio sui rapporti tossici: tutti senza parole

Le ex protagoniste di Non è la Rai hanno lanciato un appello contro i rapporti tossici attraverso una loro canzone, cosa hanno detto

Non è la Rai, lo storico programma che ha lanciato, tra le altre, la carriera di Ambra Angiolini, è finito da quasi trent’anni – l’ultima puntata è stata trasmessa su Italia 1 il 30 giugno del 1995 -, eppure si continua a parlare di lui. Il varietà ideato e diretto da Gianni Boncompagni è stato un successo di pubblico, ma è stato spesso anche criticato.

Rapporti tossici, parlano le ex ragazze di Non è la Rai
Claudia Gerini e Ambra Angiolini, due ex protagonisti di Non è la Rai (Foto Ansa) – cityrumors.it

In primis per le esibizioni delle ragazze, di frequente in playback, ma anche per alcune prese di posizione politiche che hanno avuto come protagonista l’attrice e conduttrice Ambra. Rimanendo sul primo punto, chi sicuramente non aveva bisogno di essere doppiata da cantanti professioniste era Pamela Petrarolo, che dopo l’esperienza a Non è la Rai ha davvero seguito la carriera di cantante, adesso in tandem con altre due partecipanti del programma del pomeriggio rivolto alla generazione X.

In un’intervista a Nuovo Tv, la showgirl e coreografa romana ha raccontato il suo nuovo progetto con Eleonora Cecere e Ilaria Galassi, ponendo l’accento sull’importanza di riconoscere i rapporti tossici.

Le tre ex ragazze di Non è la Rai: “Liberatevi dagli amori tossici”

Da un’idea di Eleonora Daniele, conduttrice di Storie italiane, le tre ex ragazze di Non è la Rai hanno lanciato il singolo ‘Sola tu mi vuoi‘, che ha il compito di sensibilizzare le ragazze rispetto al tema degli amori tossici, sempre più una piaga considerati i tanti femminicidi, ma non solo, che si stanno susseguendo in Italia.

Le ex protagoniste di Non è la Rai contro gli amori tossici
Pamela Petrarolo (Foto Ansa) – Cityrumors.it

“Non ci siamo mai perse di vista, ma il progetto è stato una novità pure per noi”, ha detto Petrarolo, aggiungendo poi che “la problematica sociale degli amori tossici non era forte come oggi, anche se è sempre esistita. Le donne si devono unire e fare rete per combattere e vincere“. Anche lei, da adolescente, in una relazione tossica, ha spiegato come sia difficile a quell’età “confondere certe forme di controllo con gesti d’amore“. Per questo, alle tre figlie, consiglia di “dare peso già ai primi segnali, perché gli uomini che amano le donne non tarpano le ali e non le limitano nei loro sogni, ma le sostengono e danno loro carezze, mai pugni“.

Quanto al messaggio che vogliono proporre con la canzone, che cantano anche in discoteca, le tre non hanno dubbi: loro ci sono sempre, anche sui social. “Le donne non devono temere di rimanere sole“, hanno concluso.

Impostazioni privacy