Instagram come gli altri, addio ai contenuti gratuiti e liberi: pessime notizie per gli utenti

Moment tutt’altro che magic per Meta. Super multa dall’antitrust, ma anche addio ai contenuti gratuiti e liberi. Utenti infuriati.

Pratiche commerciali scorrette. Con questa motivazione l’AGCOM ha stabilito una multa pesantissima (un’altra) nei confronti di Meta, a causa del suo operato che lede la privacy di milioni di utenti.

Instagram come gli altri, addio ai contenuti gratuiti e liberi
Instagram, sempre meno condivisione di foto, sempre più Stories e Reels – cityrumors.it

Con una nota ufficiale, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha riconosciuto la colpevolezza delle app di Mark Zuckerberg, nello specifico per due pratiche commerciali ingannevoli riguardo alla creazione e alla gestione degli account dei social network Facebook e Instagram. Non solo.

Il colosso statunitense non ha informato con immediatezza gli utenti iscritti ad Instagram via web dell’utilizzo dei loro dati personali per finalità commerciali, né gestito la sospensione degli account Facebook e Instagram dei propri utenti, come avrebbe dovuto. Da qui la sanzione di 3,5 milioni di euro per pratiche commerciali scorrette. Non è l’unica pessima notizia.

Test Instagram, nuove interruzioni pubblicitarie. Come funzionerà: la “mossa folle”

Un po’ come già sta facendo Google su YouTube c’è il forte rischio che gli utenti di Instagram dovranno abituarsi all’idea di sopportare alcuni annunci pubblicitari non ignorabili, sotto forma di un timer per il conto alla rovescia che impedirà agli utenti di sfogliare più contenuti sull’app finché non visualizzeranno l’annuncio.

Instagram, pessime notizie per gli utenti
Instagram, sempre meno condivisione di foto, sempre più Stories e Reels – cityrumors.it

Una strategia che va identificata in un contesto social sempre meno interessato alla condivisione di foto, sempre più diretto verso Stories e Reels. “Testiamo continuamente formati che possano apportare valore agli inserzionisti”. Questa la conferma da parte di un portavoce di Meta a TechCrunch, che indica chiaramente la piega che sta prendendo una della app più viste di Meta in ambito social, senza includervi ovviamente WhatsApp. La nuova funzione “interruzione pubblicitaria” è stata inizialmente notata dall’utente dell’app Instagram Dan Levy, che ha pubblicato uno screenshot del test sul suo account X. L’app ha impedito a Levy di scorrere oltre l’annuncio quando è apparso.

Ovviamente i feedback di questa nuova interpretazione di Instagram non è vista affatto di buon occhio da parte degli utenti. In molti l’hanno definita una “mossa folle”. Se ne parla, in maniera tanto esplicativa che fa rima con negativa, anche su Reddit, dove un utente ha spiegato cosa potrebbe accadere a breve: cliccando o tappando sull’icona delle info accanto all’interruzione pubblicitaria per saperne di più, apparirà un messaggio nel quale bisognerà sorbirsi tutto l’annuncio prima di tornare a utilizzare Instagram come siamo abituati finora. Insomma, di male in peggio.

Impostazioni privacy