Foti: “Bollette? Il Pd ha superato il ridicolo. Su Landini…”

Tommaso Foti in un’intervista al ‘Quotidiano Nazionale’ si sofferma sul tema bollette e non solo. Duri attacchi a Pd e sindacati.

Per il governo la settimana si è aperta con diverse polemiche iniziando dalla questione Crosetto. “Non c’è alcun argomento di disputa – spiega Tommaso Foti, capogruppo di FdI alla Camera in un’intervista al Quotidiano Nazionalequesto governo è al fianco dei magistrati. Se poi c’è una piccola parte che vuole fare il controcanto a questo esecutivo, è un problema loro“.

Foti intervista Quotidiano Nazionale
Il pensiero di Foti sul caso Crosetto – Cityrumors.it – © Ansa

Voglio precisarlo – continua Foti – perché che trascenda dal dibattito di natura giuridica a quella politica definire la proposta di riforma costituzionale un pericolo per la nostra democrazia. Premierato? Noi siamo pronti ad andare anche al referendum e poi saranno i cittadini a prendere una decisione“.

Il duro attacco a Landini

Foti intervista Quotidiano Nazionale
Foti attacca duramente anche Landini – Cityrumors.it – © Ansa

Da parte di Foti un duro attacco anche a Landini: “Lui ha utilizzato lo sciopero generale per un intervento prettamente politico. Senza neanche nasconderlo. Non ho mai visto una protesta simile contro una proposta di modifica alla costituzionale. E’ un qualcosa di assai curioso“.

Ma nonostante questo il dialogo con i sindacati continua. “Sulla manovra – precisa ancora l’esponente di Fratelli d’Italia – bisogna sottolineare come ci sia una separazione anche tra le sigle. Uil e Cigl hanno un giudizio preconcetto mentre quello di Cisl è molto più ponderato. Poi naturalmente è fisiologico che ci possano essere delle modifiche da parte del governo per migliorare la legge di bilancio“.

La frecciata al Pd

Foti intervista Quotidiano Nazionale
La frecciata di Foti al Pd – Cityrumors.it – © Ansa

Foti parla anche del tema bollette e attacca il Pd: “Hanno superato il ridicolo. Forse la Schlein non è informata, ma la liberalizzazione del mercato è una cosa voluta proprio dai dem durante i governi Renzi e Draghi. Sarebbe, inoltre, opportuno ricordare che questa norma era stata inserita anche tra gli obietti del Pnrr con i loro voti a favore. Noi abbiamo detto no“.

Impostazioni privacy