Rosato: “La riforma della giustizia è in ritardo. Su Schlein…”

Ettore Rosato in un’intervista a ‘L’Identità’ chiede una accelerazione sulla riforma della giustizia e parla anche delle parole di Elly Schlein.

Ettore Rosato in un’intervista a L’Identità si sofferma su diversi temi a partire dalla riforma della Giustizia che per lui “è in forte ritardo. Il ministro Crosetto non so di quale primavera parli. E’ arrivato il momento di passare dalla parola ai fatti. La riforma è stata anticipata, ora deve essere realizzate e noi siamo pronti ad incalzarli“.

Rosato intervista L'Identità riforma giustizia
Ettore Rosato parla della riforma della giustizia – Cityrumors.it – © Ansa

L’esponente di PER parla della polemica sul ministro Crosetto: “Io penso che sia nato un grande polverone su dichiarazioni che sono state poco precise. Di certo l’ingerenza della magistratura nella vita dei partiti e dei governi resta e per questo motivo bisogna assolutamente intervenire. Il problema è proprio questo, ma per fortuna la magistratura c’è ed è anche altro“.

Rosato su Schlein: “Non ragioniamo su complotti”

Rosato intervista L'Identità riforma giustizia
Rosato parla anche della Schlein – Cityrumors.it – © Ansa

Rosato si sofferma anche sulle parole della Schlein, che sostiene come il governo vede complotti ovunque: “Non ragioniamo su questi temi. Siamo preoccupati dal fatto che questo esecutivo ha molte lacune su cose che servono all’Italia. E bisogna anche dire ce su altre non stanno realizzando molte delle proposte elettorali fortunatamente“.

Per l’ex esponente di Italia Viva anche sull’ipotesi dei test psico-attitudinali per i magistrati: “Facciamoli come si deve. Esistono per ogni tipo di carriere e non riesco a capire cosa ci sia di offensivo nel farli ai giudici. Dovrebbe essere un interesse anche della stessa magistratura“.

“Basta perdere altro tempo”

Rosato intervista L'Identità riforma giustizia
Rosato chiede di non perdere altro tempo sulla giustizia – Cityrumors.it – © Ansa

Rosato chiede al governo di non perdere altro tempo sulla giustizia perché “non è materia di magistrati o avvocati, ma riguarda milioni di cittadini che si aspettano maggiore rapidità ed efficacia oltre che decisioni giuste. Non abbiamo visto riforme che siano incisive in questo tempo“.

L’esponente di PER dice la sua anche sul caso Delmastro: “Lui ha sbagliato e anche in maniera evidente. Sulle questioni penali, però, non spetta a me giudicare e dire qualcosa“.

Impostazioni privacy