Guerra in Israele, Boldini: “Non tutta la politica ha alzato bandiera bianca”

La guerra in Israele prosegue senza sosta e Boldrini in un’intervista a ‘L’Unità’ analizza nei dettagli quanto sta succedendo a Gaza. Le sue parole.

Lunga intervista a L’Unità per Laura Boldrini. L’esponente del Pd analizza nei dettagli quanto sta succedendo a Gaza nelle ultime settimane: “Questa guerra è devastante non solo per i palestinesi, ma anche per la sicurezza di Israele. Da questo punto non può che nascere un odio per tutti noi e, quindi, qualcuno deve fare Netanyahu“.

Boldrini L'Unità intervista guerra in Israele
Laura Boldrini sulla guerra in Israele – Cityrumors.it – © Ansa

L’ex presidente della Camera lancia un appello anche al premier Meloni: “Visto che lei ha buoni rapporti con il presidente israeliano, si mobiliti e faccia di tutto per convincerlo ad arrivare ad un cessate il fuoco e l’inizio di un percorso di pace. La tregua è ormai finita e non è possibile assistere in silenzio a quanto sta succedendo a Gaza”.

“La politica non ha alzato bandiera bianca”

Boldrini L'Unità intervista guerra in Israele
Boldrini invita il governo a muoversi in Israele – Cityrumors.it – © Ansa

Per la Boldrini, però, la partita è ancora aperta per la pace: “Non tutta la politica ha alzato bandiera bianca. Ci sono voci autorevole che proseguono a fare proposte, a mio avviso, del tutto ragionevoli. Ora deve muoversi anche l’Italia in questo senso: riconoscere lo stato palestinese è un passaggio fondamentale per chi crede ancora nell’opzione due popoli, due Stati“.

Alla Palestina deve essere riconosciuto lo stesso diritto di esistere di Israele – aggiunge l’esponente del Pd – solo in questo modo ci potrà essere pace, stabilità e sicurezza per entrambi. Per arrivare a questo serve un nuovo slancio della comunità internazionale così come dei presidente dei Paesi che credono nel processo di pace“.

Impostazioni privacy