Calcio, clamorosa novità regolamentare: parte la sperimentazione

Una decisione che farà discutere perché in tanti non sono d’accordo e screditerebbe un po’ il calcio 

Una decisione che farà discutere. E anche parecchio arrabbiare perché secondo molti potrebbe snaturare il calcio. Già assorbire la Var e la sua non perfezione, per non parlare dei fuorigioco millimetrici che, a volte danno la nausea per la troppa precisione e per veder annullare un gol per un pelo o per un dito, adesso questa nuova regola che si vuole inserire potrebbe far storcere il naso a tanti. Già perché l’International football association board apre seriamente le porte alla espulsione a tempo, anche se per il momento sarebbe solo e per per le proteste e per infrazioni di gioco specifiche.

La decisione
Un arbitro che decide di espellere un giocatore e abreve potrebbe non uscire del tutto ma a tempo (Twitter Cityrumors.it)

 

Una decisione, quella sull’espulsione a tempo, che dovrà essere presa a breve. Una nuova norma che, dopo averne constatato l’adozione con successo nel calcio di base, si auspica la sperimentazione del provvedimento a livelli più alti. E di questo inserimento se ne è discusso, e neanche poco, nel business meeting annuale dell’organismo che stabilisce le regole del calcio, come solitamente avviene. Si è svolto l’incontro a Londra che come focus principale aveva le “misure per migliorare il comportamento di giocatori e allenatori e accrescere il rispetto nei confronti gli ufficiali di gara”. Una cosa su sui si dibatte da diverso tempo, ma che è sempre stata respinta o poco considerata. Si vedrà.

Ma non è tutto ci sono altre regole da inserire

Il giudice
Un direttore di gara che decide di ammonire per la seconda volta un giocatore (Facebook Cityrumors.it)

 

Ma non è tutto. Sempre sullo stesso argomento c’è una anche la proposta di sperimentare un sistema che consenta al solo capitano della squadra di avvicinarsi all’arbitro in alcune situazioni di gioco importanti. Tra le misure discusse durante il meeting ci sarebbe anche l’applicazione più rigorosa e rigida del regolamento nei confronti dei giocatori e allenatori che dimostrano una condotta irrispettosa e per una migliore gestione delle zuffe in campo.

Sul fronte tecnologico, inoltre, è stato dato esito positivo delle varie sperimentazioni a livello di base di body cam per gli arbitri, anche per scoraggiare comportamenti aggressivi e si è convenuto sulla necessità di migliorare i sistemi di controllo sul fuorigioco. Ci sarà un nuovo aggiornamento dell’Abm il 2 marzo prossimo, dove verrà inserito nelle regole del gioco il fatto che l’arbitro al termine del controllo Var ne comunichi la decisione.

Impostazioni privacy