Turchia, in 61 milioni alle urne: si decide il futuro di Erdogan

Le elezioni amministrative regaleranno una fotografia veritiera del giudizio dei turchi sull’operato del presidente. In ballo Ankara, Istanbul e la lotta presidenziale

Per il presidente turco Erdogan, si tratta di una sorta di giorno del giudizio. Oggi, milioni di turchi si presenteranno alle urne, per le elezioni amministrative più importanti della recente storia turca. In ballo il controllo di città chiave, come la capitale amministrativa Ankara e quella economica: Istanbul. Due città  perse dal partito del presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, nel 2019. Il suo obiettivo è di riconquistarle e tornare a recitare un ruolo di primaria importanza.

Una giornata decisiva per il futuro del presidente turco Erdogan. 61 milioni di persone al voto per eleggere i sindaci di Istanbul e Ankara – Cityrumors.it – Ansa Foto

Ankara e Istanbul non sono però le uniche città dove si andrà al voto: secondo i dati, saranno oltre 61 milioni, i turchi che si presenteranno alle urne.  Il voto è un barometro della popolarità di Erdogan che punta in particolare a riconquistare Istanbul (16 milioni di abitanti), dove è nato e cresciuto e dove ha iniziato la sua carriera politica come sindaco nel 1994. Secondo numerosi analisti, un risultato favorevole per il Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) di orientamento islamico del presidente 70enne, rafforzerebbe la sua determinazione a inaugurare una nuova Costituzione che gli potrebbe consentire di governare oltre il 2028, quando terminerà il suo attuale mandato.

Cinque anni fa, l’opposizione conquistò delle città chiave, strappandole al partito di maggioranza. Oggi Erdogan cerca di tornare al potere nei centri nevralgici dello Stato. I principali campi di battaglia sono l’hub economico del Paese, Istanbul, e la capitale Ankara, entrambe perse da Erdogan nel 2019, mandando in frantumi la sua aura di invincibilità. Il 70enne presidente turco ha puntato a riconquistare Istanbul, dove è nato e cresciuto e dove ha iniziato la sua carriera politica come sindaco nel 1994.  Per l’opposizione – divisa e demoralizzata dopo la sconfitta alle elezioni presidenziali e parlamentari dello scorso anno – il mantenimento di Istanbul e Ankara rappresenterebbe una spinta importante e aiuterebbe a riorganizzare i sostenitori.

61 milioni di persone si recheranno alle urne in Turchia per eleggere i sindaci di Istanbul, Ankara e di numerose città chiave – Cityrumors.it – Ansa Foto

I dubbi dell’opposizione e le proteste dei sostenitori del governo

Circa 61 milioni di persone, tra cui più di un milione di elettori che si presenteranno alle urne per la prima volta, hanno diritto a votare per tutti i comuni metropolitani, i sindaci di città e distretti e le amministrazioni di quartiere. L’affluenza alle urne è tradizionalmente alta in Turchia, ma questa volta il voto si svolge sullo sfondo di una crisi del costo della vita. Secondo gli osservatori, i sostenitori dell’opposizione disillusi potrebbero scegliere di restare a casa, convinti che il loro voto potrebbe risultare ininfluente. Erdogan e il suo partito sembrano infatti in netto vantaggio.

Ma anche all’interno del partito di Erdogan, le cose non viaggiano nel migliore dei modi. I sostenitori del partito di governo, nel frattempo, potrebbero anche scegliere di non recarsi alle urne per protestare contro la crisi economica che ha lasciato molti in difficoltà nel pagare cibo, utenze e affitti. Circa 594.000 addetti alla sicurezza saranno in servizio in tutto il Paese per garantire il regolare svolgimento del voto, ha dichiarato il ministro degli Interni Ali Yerlikaya. I sondaggi hanno indicato una corsa serrata tra il sindaco in carica di Istanbul, Ekrem Imamoglu, del principale partito di opposizione, il filo-secolare Partito Popolare Repubblicano (CHP), e il candidato dell’AKP Murat Kurum, ex ministro dell’urbanizzazione e dell’ambiente. Questa volta, però, Imamoglu – una figura popolare indicata come possibile futuro sfidante di Erdogan – si candida senza il sostegno di alcuni dei partiti che lo hanno aiutato a vincere nel 2019.

La lotta a Istanbul

Sia il partito filo-curdo Uguaglianza e Democrazia del Popolo che il partito nazionalista IYI stanno schierando i propri candidati, il che potrebbe sottrarre voti a Imamoglu. L’alleanza di sei partiti di opposizione guidata dal CHP si è disintegrata dopo che non è riuscita a spodestare Erdogan nelle elezioni dello scorso anno, incapace di capitalizzare la crisi economica e la scarsa risposta del governo al devastante terremoto dello scorso anno che ha ucciso più di 53.000 persone. Hamish Kinnear, analista senior per il Medio Oriente e il Nord Africa presso la società di risk intelligence Verisk Maplecroft, ha affermato che se Imamoglu resterà a Istanbul, “sarà in una buona posizione per unificare la frammentata opposizione e lanciare una candidatura alla presidenza nel 2028”. Tuttavia, secondo Kinnear, perdere Istanbul sarebbe un duro colpo sia per Imamoglu che per l’opposizione. Nel frattempo, un nuovo partito religioso-conservatore, il Nuovo Partito del Benessere, o YRP, fa appello agli elettori disillusi dalla gestione dell’economia da parte di Erdogan e si prevede che sottrarrà alcuni voti ai suoi candidati.

Il voto di oggi è considerato un barometro per misurare la popolarità di Erdogan in Turchia – Cityrumors.it – Ansa Foto

La battaglia ad Ankara

Ad Ankara, il sindaco in carica Mansur Yavas – anch’egli considerato un potenziale futuro sfidante di Erdogan – dovrebbe mantenere il suo posto, secondo i sondaggi. Il suo sfidante – Turgut Altinok, candidato dell’AKP e sindaco del distretto Kecioren di Ankara – non è riuscito a suscitare entusiasmo tra i sostenitori. Nel sud-est della Turchia, a prevalente popolazione curda, il Partito democratico dovrebbe vincere molti comuni, ma non è chiaro se gli sarà permesso di mantenerli. Negli anni precedenti, il governo di Erdogan ha rimosso i sindaci filo-curdi eletti per presunti legami con i militanti curdi e li ha sostituiti con fiduciari nominati dallo Stato. Erdogan, che ha presieduto la Turchia per più di due decenni, come primo ministro dal 2003 e presidente dal 2014, ha sostenuto una nuova costituzione che metterebbe in primo piano i valori della famiglia. Ora non ha i voti sufficienti per promulgare una nuova costituzione, ma una forte affermazione potrebbe consentirgli di attirare alcuni legislatori conservatori, nazionalisti o islamici dal campo dell’opposizione per ottenere la necessaria maggioranza dei due terzi. Berk Esen, professore associato di scienze politiche presso l’Università Sabanci di Istanbul, ha affermato che Erdogan sta spingendo per una nuova costituzione “più conservatrice della versione attuale”, al fine di espandere e definire la sua eredità. È qui che entrano in gioco le elezioni locali. “Sarebbe una grande opportunità per Erdogan di lasciare la sua impronta politica”, ha detto Esen.

 

Impostazioni privacy