Vaccini Covid, lo studio definitivo sugli effetti avversi: ecco la verità

Oltre 99 milioni di persone analizzate in più anni: lo studio realizzato dalla Global Vaccine Data Network ha svelato le correlazioni tra i vaccini ed alcuni disturbi

Il più grande studio mai realizzato sui vaccini anti Covid, ha dato dei risultati sorprendenti. Gli scienziati hanno infatti valutato gli effetti su oltre 99 milioni di persone ed hanno riscontrato, in alcuni casi, dei disturbi cardiaci, cerebrali e del sangue. Ad effettuare lo studio è stato il Global Vaccine Data Network (GVDN), che ha analizzato tredici condizioni mediche neurologiche, legate al sangue e al cuore per vedere se, dopo la somministrazione di una o più dosi del vaccino, fossero aumentati o meno i rischi.

Uno studio condotto su quasi cento milioni di persone vaccinate ha chiarito le correlazioni tra il siero e i casi aqvversi – Cityrumors.it

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Vaccine ed è servito per realizzare una valutazione completa della sicurezza dei vaccini. Questo studio mirava a valutare il rischio di eventi avversi di particolare interesse (AESI) a seguito della vaccinazione COVID-19 da 10 siti in otto paesi.  Lo studio ha riscontrato in alcune delle persone vaccinate, casi di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione del sacco sottile che copre il cuore). Dopo essersi sottoposti a vaccini a mRNA, sono stati evidenziati cosi legati alla sindrome di Guillain-Barré (debolezza muscolare e alterazione della sensibilità (sensibilità)) e alla trombosi del seno venoso cerebrale (tipo di coagulo di sangue nel cervello)..

Sono stati identificati possibili segnali di  mielite trasversa (infiammazione di una parte del midollo spinale) dopo vaccini a vettore virale e per l’encefalomielite acuta disseminata (infiammazione e gonfiore nel cervello e nel midollo spinale) dopo l’identificazione di vaccini a vettore virale e mRNA. Finora, questi risultati sono stati ulteriormente studiati dal sito GVDN di Victoria, in Australia.

In rosso evidenziati alcuni tra i casi di pericardite, miocardite e sindrome di Guillain-Barré – Cityrumors.it

I risultati nel dettaglio

Nel documento pubblicato dalla Global Vaccine Data Network, vengono specificati i risultati dello studio: sono state valutate 99.068.901 persone vaccinate. In totale sono state somministrate 183.559.462 dosi di Pfizer – BioNTech, 36.178.442 dosi di Spikevax di Moderna e 23.093.399 dosi di AstraZeneca, nei siti partecipanti nel periodo di studio. Secondo il dossier è stato  identificato un aumento del rischio di un tipo di coagulo di sangue nel cervello. derivante da iniezioni di vettori virali come quello sviluppato dall’Università di Oxford e prodotto da AstraZeneca. Secondo lo studio, tra le persone che hanno ricevuto il vaccino di AstraZeneca c’era un rischio 2,5 volte maggiore di sviluppare la sindrome di Guillain-Barré, una rara malattia neurologica in cui il sistema immunitario attacca i nervi. Alcuni casi di miocardite – infiammazione del muscolo cardiaco – sono stati riscontrati dopo la somministrazione della prima, seconda e terza dose di vaccini mRNA di Pfizer-BioNTech e Moderna.

Gli eventi avversi di particolare interesse sono stati selezionati in base ad associazioni prestabilite con l’immunizzazione, a ciò che era già noto sulle condizioni immuno-correlate e alla ricerca pre-clinica. Lo studio non ha monitorato la sindrome da tachicardia posturale ortostatica, o POTS, che alcune ricerche hanno collegato ai vaccini Covid. L’intolleranza all’esercizio fisico, l’affaticamento eccessivo, l’intorpidimento e la “nebbia cerebrale” erano tra i sintomi comuni identificati in più di 240 adulti che soffrivano di sindrome cronica post-vaccinazione in uno studio separato condotto dalla Yale School of Medicine. La causa della sindrome non è ancora nota e non ci sono test diagnostici o rimedi comprovati.

Impostazioni privacy